L’esordio gastronomico della nostra nazionale non poteva essere dei migliori. Come visto nell’ultimo post il menù della prima partita ha avuto nettamente la meglio sulle proposte culinarie di sua Maestà la Regina ma la seconda partita è sempre un’incognita. Una seconda vittoria culinaria lancerebbe la nostra cucina nell’élite mondiale ma il pericolo è sempre dietro l’angolo e la cucina costaricana non è poi l’outsider che tutti credono.
Scopriamo insieme i suoi piatti tipici. 

La ricchezza naturale della Costa Rica non esclude i piaceri del palato. Per questo è possibile assaporare più di 150 varietà di frutta e ben 30 di ortaggi. Nel paese caraibico è molto apprezzata la birra mentre il vino è perlopiù importato e per questo molto caro.
Sono inoltre molto diffuse le bevande a base di frutta fresca mentre il caffè è considerato un vero e proprio totem: molto buono e famoso in tutto il mondo.

Il Costa Rica non è però una squadra “alla frutta”. Per la sfida culinaria con gli azzurri, il tecnico Jorge Luis Pinto schiera una formazione difensiva orientata sulle ripartenze delle sue ricette di punta. Il menù messo in piedi dal tecnico rispecchia a pieno la cucina del posto: non particolarmente ricca e raffinata ma semplice e saporita.  
Il piatto tipico della Costa Rica è il gallo pinto: riso e fagioli (neri o rossi) arrostiti in padella con cipolle, panna acida, focacce sottili di farina di mais, formaggio e uova strapazzate. Dal tocco particolarmente esotico sono anche i platanos (piccole banane arrostite o fritte) e i cuori di palma (palmitos) spesso preparati a insalata. Per dessert, la formazione centroamericana schiera il granizado con fruta: gelato di crema e frutta su ghiaccio tritato. Buonissimo.

In questo mondiale culinario, Prandelli dimostra tutta la sua duttilità non cambiando modulo ma interpreti. Per questo, nella sfida contro il Costa Rica il ct lascia in panchina i piatti protagonisti della schiacciante vittoria contro l’Inghilterra affidandosi questa volta ad un menù leggero e appetitoso.

Tra i titolari di oggi, la bruschetta ha un posto speciale. Il piatto di origine contadina è composto da pane abbrustolito condito con pomodori, olio aglio e basilico. Un ottimo antipasto, genuino, succulento ed apprezzato praticamente da sempre. Come primo troviamo uno dei piatti tipici della cucina laziale: bucatini all’amatriciana. Sono tante le varianti di questo piatto tradizionale anche se gli ingredienti insostituibili per la sua preparazione sono sostanzialmente 3: guanciale, pecorino e pomodoro. Da leccarsi i baffi.
Come sappiamo, d’estate si prediligono i piatti freschi. Per questo il menù di oggi prevede un bel piatto di bresaola valtellinese condita con olio, limone, rucola e grana. Una bontà che ha conquistato tutti.  
Concludiamo il menù con un altro prodotto tipico della cucina italiana. Un freschissimo sorbetto ai limoni di Sorrento.  

La partita contro il Costa Rica è stata più dura del previsto ma in campo Prandelli ha schierato un menù mondiale. Risultato? Per noi l’Italia vince 2 a 1.