Il grembiule da lavoro viene oggi impiegato in diversi contesti, che possono andare dalla cucina di un ristorante al bar di un hotel. Pur mantenendo la stessa funzione di base, i grembiuli da lavoro si sono diversificati in decine di modelli diversi, alcuni con scopi più protettivi, altri con un ruolo anche parzialmente decorativo. Risaliamo alle origini di questo indumento così versatile.

In passato il grembiule da lavoro veniva utilizzato soltanto in casa, tipicamente dalle donne e dalle ragazze impegnate nella cura della cucina e della pulizia domestica, o dedite alla raccolta nei campi. Nell’immaginario collettivo, il grembiule ha anche una forte connotazione affettiva, poiché è da sempre associato alla figura della nonna: chi di noi non ha in mente l’immagine della nonna alle prese con pentole e fornelli, armata di mestoli e grembiule?

La funzione principale è sempre rimasta inalterata: proteggere il vestiario da sporco, schizzi e macchie durante tutti i mestieri domestici. Eppure, in origine il grembiule da lavoro trovava anche molti altri utilizzi alternativi, per esempio:

  • Come presina veloce e sempre disponibile per le pentole bollenti;
  • Come supporto trasportatore di uova e frutta;
  • In versioni decorate, il grembiule era usato come abbigliamento durante feste e sagre;
  • Nel mondo contadino, il grembiule aveva anche funzioni simboliche: per esempio, nel Sud Italia una ragazza che piegasse leggermente il grembiule davanti a un ragazzo dava segno che questi gli fosse simpatico, e che quindi potesse chiedere la sua mano ai genitori.

 

Grembiuli da lavoro: dal passato a oggi

Oggi i tempi sono cambiati, e i grembiuli da lavoro sono utilizzati con finalità prettamente professionali. L’indumento semplice della tradizione contadina si è evoluto fino a coprire tantissimi usi differenti, in settori anche molto distanti tra loro:

  • Grembiuli da lavoro per il settore estetico: si tratta di grembiuli sottili, leggeri, con linee raffinate che mettono in risalto l’eleganza femminile. I pregi estetici non devono, naturalmente, compromettere la funzionalità: il grembiule deve anche essere resistente, facilmente lavabile e a prova di macchia.
  • Grembiuli da lavoro per la cucina professionale: in questo contesto, l’aspetto decorativo cede il passo alla semplicità e alla funzionalità. Il grembiule deve essere in primo luogo comodo ed efficace nel proteggere contro le macchie: persino le vivacissime fantasie che a volte lo colorano hanno una funzione, ovvero mascherare lo sporco, confondendolo tra i colori. Facilità di lavaggio e materiali ignifughi completano i must di questi grembiuli da lavoro.
  • Grembiuli da lavoro per barman e camerieri: per queste professioni a stretto contatto col pubblico, i grembiuli devono coniugare funzionalità ed eleganza. Soprattutto per i camerieri troveremo modelli esteticamente curati, disegnati per comunicare in un attimo la professionalità del locale. Per i barman va bene qualcosa di più minimale, ma sempre in grado di trasmettere sensazioni di ordine e pulizia.
  • Grembiuli da lavoro per domestica: per le domestiche del settore alberghiero, i grembiuli sono pensati soprattutto per comunicare un’immagine di ordine e di cura, e per permettere ai clienti di identificare velocemente questa figura professionale. Il design è quindi curato, con piccoli dettagli femminili che pescano direttamente dalla tradizione.

 

Stai cercando un grembiule da lavoro per uno di questi settori?

Visita la sezione di Isacco dedicata ai grembiuli!